La scultura commemorativa sorgerà in Via Maiella.

di Gildo Palombo

La Seconda guerra mondiale è stata la più sanguinosa della storia, ma tra il dolore e la morte ci sono anche storie incredibili come Wojtek, un orso che fu adottato dall’esercito polacco e divenne un eroe di guerra. Nello specifico, l’animale durante battaglia di Montecassino, ovvero nella primavera del 1944, faceva parte della 22esima Compagnia trasporti polacca, trasportando munizioni nelle varie batterie di artiglieria posizionate nella Valle del Rapido. Si è scoperto che l’orso, assieme alla Compagnia polacca, per tutto il periodo della battaglia, si trovava a Venafro e non a Cassino, come pensavano i più. Da qui, è partita l’idea di realizzare un monumento a lui dedicato, che sorgerà in Via Maiella, proprio in quel di Venafro. La creazione dell’opera e l’organizzazione dell’evento sono state curate dall’Associazione Winterline di Venafro e dall’Associazione Culturale Centro studi Politici. Il progetto di storia ed arte, come campagna di sensibilizzazione,  è stato inserito nel corso formativo dell’ordine dei giornalisti del Molise e delle scuole primarie.

Martedì 17 maggio si terrà una manifestazione presso l’Annunziata, chiesa storica di Venafro, che vedrà convolti: gli alunni della scuola Primaria di Venafro, Frosolone, Cerro a Volturno, Monteroduni, Colli a Volturno, Pozzilli, Civitanova del Sannio, la scuola di Lingua e Cultura Polacca “Francesco Nullo” di Lago Patria (NA); la Szkola Podstawowa im C.D. Friedricha di Kopaniec (Polonia), Fundacia Chata Chwata Chromiec 70 (PL), Szkola bez Granic im. Niedzwiedzia Wojtka – Edynburg Regno Unito.

Alla manifestazione previste numerosi altre autorità civili e religiose, oltre all’Ambasciatrice polacca Anna Maria Anders.Tutti a commemorare le gesta dell’eroe e soldato Wojtek.