Lutto – Cordoglio per la perdita del caro padre al collega...

La redazione di Moliseprotagonista, il Direttore e l'Editore si uniscono in cordoglio alla perdita di Giuseppe Bertoni classe 1936, padre del collega Domenico Bertoni....

Sport

MAGNOLIA, UNA PROSPETTIVA GRECA NEL ROSTER: ARRIVA CHRYSANTHIDOU

    MAGNOLIA, UNA PROSPETTIVA GRECA NEL ROSTER: ARRIVA CHRYSANTHIDOU La lunga ellenica va...

Basket-Magnolia, innesto Gaucho: Carolina Sanchez rinforza il reparto delle lunghe

La giocatrice argentina sarà ambasciatrice del club rossoblù nella nazione sudamericana La...

Calcio Venafro, Nicandro Patriciello : “Il prossimo sarà un Venafro d’avanguardia...

  Questa volta sembra proprio deciso a fare le cose per bene,...

Equo compenso e tutela del lavoro del libero professionista, Ricciardi: “Molise...

  Nell’ultima seduta della Giunta regionale del Molise, approvati tre importanti Proposte di legge. Di particolare rilevanza quella riguardante le disposizioni in materia di equo compenso e tutela delle prestazioni professionali. La Regione Molise intende, infatti, promuovere, garantire e tutelare il lavoro e la dignità delle libere professioni. Nello specifico, la Proposta è finalizzata a garantire l'equo compenso per le opere professionali svolte in favore della Regione, degli enti strumentali e delle società controllate, assicurando al professionista di ricevere il pagamento delle proprie spettanze. L'affermazione del principio dell'equo compenso, ossia di un indennizzo che risulti proporzionato alla quantità, qualità e al contenuto delle prestazioni erogate, si pone, da una parte, come strumento di difesa dei liberi professionisti e, dall'altra, rappresenta anche una garanzia di qualità delle opere e dei servizi erogati ai cittadini. “L’impianto del provvedimento – ha spiegato il presidente di Confprofessioni Molise, Riccardo Ricciardi - è frutto di un percorso di confronto che ha visto la partecipazione dei vari soggetti interessati e ha consentito di recepire le istanze da loro rappresentate”. In materia, l’Abruzzo ed il Lazio, hanno già da tempo approvato una legge ed il Molise sta percorrendo la stessa strada.

Campobasso, “Musica in villa”: Wakanda saxophone quartet

Domenica 21 luglio 2019 - ore 12:00 Villa De Capoa - Campobasso WAKANDA SAXOPHONE QUARTET MARCO BOMBA sax soprano STEFANO ANTONINI sax contralto SAMUELE CICCHITTI sax tenore PAOLO FARINA sax baritono ALESSANDRO VALENTE batteria _______________________ Programma P. ITURRALDE - Suite Hellenique G. BIZET - Carmen Fantasy L. V. BEETHOVEN - Sinfonia n° 5 G. ROSSINI - Rossini per Quattro (arr. G. Di Bacco) A. ROMERO - Saxophone Quartet J. PASTORIUS- The Chicken C. COREA - Spain WEATHER REPORT - Birdland QUEEN - Don't Stop Me Now QUEEN - Bohemian Rhapsody _______________________ WAKANDA SAXOPHONE QUARTET è un quartetto di sassofoni nato all'inizio dell'anno 2019, dalla passione e amicizia di quattro giovani musicisti del territorio abruzzese. Vanta già diversi concerti svolti, tra i più importanti vi sono il concerto al teatro di Atessa, il concerto presso lo spazio Matta di Pescara e il concerto presso il parco della musica del estate musicale frenata, dove ha riscontrato un notevole successo. Inoltre, ha partecipato a diversi concorsi musicali, tra i quali il concorso "Paolo Barrasso" di Carmanico Terme dove si è aggiudicato il Primo Premio Assoluto con votazione 100/100 e il concorso "Città d'Arte" di Ortona dove ha ottenuto il Primo Premio con votazione 99/100. Oltre il repertorio classico, ha innovato la formazione inserendo il percussionista Alessandro Valente, grazie alla quale riescono a spaziare in tutti i generi musicali. Ingresso gratuito www.amicidellamusicacb.it    

Jelsi 19 luglio – Convegno Tecnico-Scientifico “Il terremoto in Molise: tra...

  L’Ordine dei Geologi, in collaborazione con l’associazione Sigea, ha organizzato un Convegno Tecnico-Scientifico (concepito per geologi, ma aperto anche alla cittadinanza e altre figure professionali) dal titolo “Il terremoto in Molise: tra scienza e suggestioni popolari, dal sisma di Sant'Anna 1805 a oggi”(http://www.ordinegeologimolise.it/orgmolise/convegno-tecnico-scientifico-il-terremoto-in-molise-tra-scienza-e-suggestioni-popolari-dal-sisma-di-santanna-1805-a-oggi/), programmato per il prossimo venerdì 19 Luglio a Jelsi (CB) presso la “Sala dell’Annunziata” (https://maps.app.goo.gl/3K5FcnDMu2CimNYt7), nel Centro Storico del Borgo. All’incontro parteciperanno esperti nazionali sul tema della pericolosità e rischio sismico nel Molise e nell’area Matesina. L’obiettivo sarà quello di fare il punto sulla conoscenza scientifica dei terremoti dell’area molisana, ripercorrendo la sismicità storica del territorio negli ultimi secoli, passando per il disastroso evento del Terremoto di Sant’Anna del 1805, il cosìddetto “big one” matesino, fino ai giorni d’oggi con ultima sequenza nell’Agosto 2018. L’evento è patrocinato dalla Regione Molise, Assessorato Regionale all’Urbanistica e Pianificazione Territoriale, Comune di Jelsi, Comitato Sant’Anna, INGV, Consiglio Nazionale Geologi, Ordine dei Geologi della Campania e Legambiente Molise.   <<Dopo il convegno, tenutosi a Guglionesi lo scorso dicembre 2018 - dichiara il Presidente dell’Ordine dei Geologi della Regione Molise, Dott. Giancarlo De Lisio - continua, da parte dell'Ordine dei Geologi del Molise, l'opera di sensibilizzazione della popolazione molisana al rischio sismico del nostro territorio. Questa volta si è scelto di focalizzare l’attenzione sulla sismicità dell’area matesina ripercorrendo la sismo-storia degli ultimi secoli, passando per il noto terremoto di Sant’Anna del 1805 che ha tanto segnato gli animi della popolazione molisana. Lo sviluppo del nostro territorio appenninico è da sempre condizionato dai terremoti che si sono susseguiti nei secoli: trattasi spesso di eventi disastrosi con migliaia di morti e distruzione quasi totale dei centri abitati. Allora, come oggi, ai sismi sono succedute le fasi di ricostruzione. Il convegno sarà un pretesto anche per sfatare i falsi miti e le credenze popolari legate ai terremoti, spesso radicati ancora oggi nella società:...

Il Molise va lento, come il turismo finanziato dallo Stato per...

Certamente il Cis e i 220 milioni di euro stanziati per il Molise nel contratto istituzionale di sviluppo, hanno destato perplessità e delusioni nel basso Molise dove non arriverà quella pioggia di milioni di euro attesa per tanti progetti presentati, ma anche Venafro che non potrà contare di riammodernare il centro storico come da progetto non approvato tra i 66 finanziati, oltre al progetto dell'aviosuperficie scartato inspiegabilmente. Di maggiore attenzione sono i 129 milioni di euro approvati per i tratturi, una cifra enorme che ha fatto sobbalzare dalle sedie tanti molisani che non comprendono come tanto denaro verrà speso in questa direzione. Molti sono convinti che i molisani grazie al Governo dovranno tornare a pascolare le pecore, vista la mancanza di lavoro e quindi spendere una cifra così colossale avrebbe senso per un ritorno in massa alla pastorizia e alla transumanza. Poi, pian piano si scopre un progetto che coinvolge lo sviluppo turistico lungo i tratturi: "recupero e valorizzazione del percorso tratturale e incentivazione e potenziamento dell'offerta turistica". Progetto che coinvolge il comune di Campodipietra capofila di 61 comuni molisani dove ricade il passaggio tratturale. Ebbene, sui 330 chilometri del tratturo Pescasseroli Candela, verrà realizzata per tutto il percorso una pista pedonabile e una ciclabile, oltre a regalare denaro ai 61 comuni per realizzare sui loro territori il necessario per creare da zero un’offerta turistica, un’incoming, una filiera in grado di valorizzare i tratturi e i comuni che ricadono lungo il suo percorso, con tabellonistica adeguata e directory per i viaggiatori. Tutto bene, tutto sano e genuino, una proposta che sulla carta, il Governo Conte forse ignora le fatiche dell’assessorato al turismo regionale, il quale per la prima volta, sta tentando di stimolare una filiera turistica che nelle regioni normali parte dai cittadini come iniziative alberghiere, di incoming e le istituzioni sono necessarie a...

Pozzilli (IS): pescatore disperso e ritrovato

Ieri un pescatore di 74 anni di Pozzilli (IS) preso dalla passione della pesca non si era reso conto del calare della notte e non riusciva a ritrovare il sentiero per tornare alla propria autovettura ubicata oltre un fitto bosco. I familiari non vedendolo rientrare hanno sporto denuncia in Questura e alle ore 01:00 di stamani sono stati allertati i Vigili del Fuoco. La Questura nel frattempo ha fornito ai VF la possibile zona di ricerca, rintracciando il cellulare, ma quest'ultimo era a bordo dell'auto del pescatore. Nei pressi del comune di Pozzilli è stato ubicato il centro di coordinamento dei Soccorsi, con l'ausilio dei Carabinieri e delle altre forze dell'ordine nel frattempo intervenute. Le ricerche sono continuate nelle zone limitrofe anche con personale SAF Fluviale, inviato dalla sede Centrale dei Vigili del Fuoco di Isernia, per le ricerche lungo il fiume, e con le unità cinofile, inviate dalla Direzione Regionale VVF del Molise, per le ricerche nel bosco. Fortunatamente alle prime luci dell'alba il pescatore in maniera autonoma ha raggiunto gli operatori, ha raccontato che è stato colto di sorpresa dal buio e ha deciso di rimanere dov'era, dormendo all'aperto, per poi tornare al sentiero alle prime luci dell'alba.

Sesto Campano (IS): incendio autovettura presso distributore carburante ENI SS 85

Ieri sera Poco dopo le 20 un automobilista dopo aver fatto rifornimento di carburante al distributore Eni, nei pressi della Colacem, ha notato delle fiamme dal proprio veicolo. Fortunatamente è riuscito a spostarsi al bordo della piazzola del distributore. Dal Comando dei Vigili del Fuoco di Isernia immediato l’invio di due partenze sul luogo dell’incendio temendo anche il coinvolgimento del distributore carburanti. All’arrivo dei Vigili del Fuoco l’autovettura, una Fiat stilo familiare, era completamente avvolta dalle fiamme. Il conducente è uscito indenne. Per gli accertamenti del caso presenti sul posto anche i Carabinieri di Venafro.

Minaccia di togliersi la vita con un coltello, Carabinieri lo confortano...

I Carabinieri della Compagnia altomolisana sono intervenuti in aiuto di un 30enne che, in strada, armato di coltello, minacciava di togliersi la vita. A dare l’allarme al 112, un passante che aveva notato l’uomo visibilmente agitato e con un coltello in mano. I Carabinieri hanno repentinamente raggiunto il luogo e cominciato a parlare con il giovane per capire quale fosse il problema e come poterlo aiutare. L’uomo si è quindi confidato con gli uomini in divisa e raccontato di problemi personali che non riusciva più a gestire, è così iniziata una lunga trattativa dove le attente parole di conforto dei militari hanno convinto il giovane a desistere e a consegnare il coltello. Evitato ogni rischio, il trentenne è stato soccorso dai sanitari del 118 e trasportato presso l’ospedale di Isernia per gli accertamenti del caso. Momenti di apprensione, quindi, in cui un drammatico epilogo è stato fortunatamente scongiurato grazie all’intervento dei Carabinieri.

Venafro (IS): Due persone denunciate all’Autorità Giudiziaria per truffa, furto...

I Carabinieri della Compagnia di Venafro, a conclusione di un’attività di indagine, hanno denunciato all’A.G. un pregiudicato di origini campane, resosi responsabile del reato di truffa. In particolare, il prevenuto, spacciandosi falsamente per tecnico specializzato dipendente dalla camera di commercio, preposto al controllo della taratura delle bilance, percepiva indebitamente la somma di diverse centinaia di euro dall’esercente di un esercizio pubblico per effettuare verifiche mai poste in essere. Sempre i Carabinieri della Compagnia di Venafro hanno denunciato alla Magistratura pentra, una donna, originaria del casertano, perché responsabile di furto e utilizzo fraudolento di carta di credito. Nello specifico, la donna autrice del reato, dopo essersi impossessata dei documenti della vittima, eseguiva prelievi presso sportelli automatici di istituti di credito facendo uso della tessera bancomat intestata alla denunciante, causando un danno pari a svariate centinaia di euro. Continuano i controlli e il costante monitoraggio del territorio da parte dei militari dell’Arma per contrastare soprattutto i reati di natura predatoria.

Venafro (IS): Due pregiudicati denunciati all’Autorità Giudiziaria per frode informatica in concorso

I Carabinieri della Compagnia di Venafro hanno denunciato all’Autorità Giudiziaria due pregiudicati, un uomo e una donna, conviventi, entrambi ritenuti responsabili del reato di...

Polizia-Isernia: denunciati padre e figlio per condotte di violenza domestica

Gli agenti della Squadra Mobile della Questura di Isernia hanno denunciato all’A.G. due persone di 83 e 54 anni, padre e figlio residenti in...

sernia: Pregiudicato denunciato all’Autorità Giudiziaria per possesso              illegale di un bastone telescopico metallico atto...

  I militari della Compagnia Carabinieri di Isernia, la decorsa serata, durante un normale controllo, hanno notato un’agitazione sospetta in un giovane e immediatamente procedevano...

Violenza domestica a Isernia, ammoniti dalla polizia l’ex convivente e il figlio delle rispettive...

Negli ultimi giorni, sono stati emessi 2 provvedimenti di ammonimento, ai sensi dell’art. 3 del D.L. 93 del 2013, nei confronti di un 32enne...

Spettacolo

Campobasso, “Musica in villa”: Wakanda saxophone quartet

Domenica 21 luglio 2019 - ore 12:00 Villa De Capoa - Campobasso WAKANDA...