Venafro, oggi l’ultimo saluto al prof. Benigno Migliarino, musicista ed arrangiatore

di Tonino Atella Nel pomeriggio odierno (h 15,00 presso la parrocchia dei Santi Martino e Nicola) Venafro darà l’ultimo saluto ad uno dei personaggi di...

Sport

Basket-Magnolia: Coppa italia, un giovedì di avvenimenti tra Vazzieri e centro...

Coppa italia, un giovedì di avvenimenti tra Vazzieri e centro città Nell’impianto...

Paralimpico, Basket serie B: l’ASD Fly Sport Molise cede al Don...

Ultima di campionato nella serie B, girone C, per la Fly...

Basket – Magnolia, altro snodo sul percorso: quintetto Rossoblù atteso a...

  Nelle rotazioni delle campobassane rientra Marangoni. Mancinelli a referto, ma non...

Neuromed, Cittadini più sani se l’ascensore sociale funziona: Nascere poveri non è...

  Uno studio dell’I.R.C.C.S. Neuromed di Pozzilli dimostra che il miglioramento di stato sociale nel corso della vita si associa a una riduzione della mortalità   Diverse ricerche scientifiche hanno dimostrato come un basso stato socioeconomico sia un importante fattore di rischio per la salute. Può apparire una condanna definitiva per chi nasce in una famiglia dalle condizioni svantaggiate. Ma questo non è un destino immutabile: se si riesce a migliorare il proprio stato, non solo economicamente ma anche culturalmente, le prospettive in termini di lunghezza della vita e stato di salute migliorano in modo netto. Sono le cosiddette “traiettorie di vita” quelle su cui si è concentrato uno studio condotto dal Dipartimento di Epidemiologia e Prevenzione dell’I.R.C.C.S. Neuromed di Pozzilli e pubblicato sulla rivista Journal of Epidemiology and Community Health. I ricercatori hanno analizzato il rapporto tra stato socioeconomico nel tempo e mortalità in un campione di oltre ventiduemila persone reclutate nell’ambito dello studio Moli-sani. “Ricerche di questo tipo – dice Marialaura Bonaccio, epidemiologa del Dipartimento e primo autore dello studio - si concentrano di solito su uno o più indicatori socioeconomici misurati in una ben precisa unità temporale. Ad esempio, di un adulto si valuta il livello di istruzione, ma senza sapere cosa è accaduto prima o dopo il conseguimento del titolo di studio. Le combinazioni possibili sono tante, e una persona che nasce in una famiglia svantaggiata può migliorarsi, sia culturalmente che come posizione sociale. Noi abbiamo voluto studiare quelle che in gergo vengono chiamate ‘traiettorie’ ossia i possibili percorsi sociali che ciascuno di noi può intraprendere nell’arco della propria vita”. Dall’analisi di queste traiettorie si è potuto vedere come le persone che durante l’infanzia avevano un basso stato socioeconomico, ma che poi avevano conseguito un buon livello di istruzione e un migliore quadro economico, riportavano un rischio di mortalità inferiore rispetto...

Molise – VI^ Giornata dello Sport , l’elenco dei premiati

L'Assessore allo Sport della regione Molise Vincenzo Niro rende noto l'elenco dei premiati per la VI^ GIORNATA DELLO SPORT DELLA REGIONE MOLISE 1. Trasmissioni Sportive dell’anno: - Domenica Sport – TeleMolise; - Molise Sport – TeleRegione; 2. Dirigente Sportivo dell’Anno : Angelo Spina 3. Atleta Master: Amelia Mascioli 4. Evento Sportivo dell’Anno: CNU 2018 Cus Molise 5. Atleta Speciale Giovanissimi: Claudia Di Tanna 6. Giovane Promessa: Greta Fraraccio 7. Giovane Promessa: Luigi Centracchio 8. Sport di Squadra Femminile: Magnolia Basket Campobasso 9. Sport di squadra Maschile: ASD Pallavolo Agnone 10. Miglior Tecnico: Mimmo Sabatelli 11. Atleta Maschile: Fabio Suliani 12. Atleta Femminile: Alessandra Falbo 13. Atleta speciale: Lorena Ziccardi 14. Sportivo Molisano 2018: Fabio Tondi

ODG Molise -Legge editoria, proposta delibera per sblocco fondi regionali

Sblocco immediato dei fondi destinati ai bandi regionali già espletati; superamento, in tutte le sedi istituzionali, degli ostacoli che ad oggi, nonostante la legislazione vigente, e da questa riconosciuti come beneficiari della normativa regionale, impediscono ad alcuni organi d’informazione di accedere alle misure economiche previste dalla legge 11/2015. Questi i due punti, i più importanti, dei cinque in cui si articola la proposta di delibera, da noi presentata, approvata dal consiglio direttivo dell’Ordine dei giornalisti . Negli altri, si ipotizzano variazioni del dettato normativo, miranti al raddoppio dello stanziamento e misure che tengano conto delle differenti tipologie editoriali : da un lato tv e radio, dall’altro giornali e on line. Le variazioni e le integrazioni potranno essere inserite nel Def, che tra poco andrà in discussione in Consiglio regionale. Nel concreto, la delibera approvata impegna formalemente l’Ordine, che si adopererà, nell’immediato, affinché vengano attuate tutte iniziative per assegnare concretamente i fondi alle aziende già riconosciute come beneficiarie; inoltre l’Ordine rappresenterà in tutte le sedi istituzionali, con forza e fermezza, un dato che ormai è sotto l’occhio di tutti: il destino delle aziende editoriali, dei lavoratori e delle loro famiglie non può rimanere appeso ai tempi della burocrazia. Ma questa convinzione deve appartenere prima a noi, consiglieri dell’Ordine, se intendiamo provare a convincere gli altri. Infatti, nel corso dei lavori, qualcuno ha ipotizzato di lasciare intanto le cose come stanno per rinviare ogni decisione a: indagini di mercato, incontri da promuovere nelle redazioni e all’esito finale dell’azione di impugnativa della Prefettura di Campobasso. A queste osservazioni, abbiamo replicato con le parole di Keynes: lasciate perdere gli economisti, che nelle loro teorie parlano di breve e lungo periodo; nella vita degli uomini esiste solo il breve periodo, perché nel lungo periodo ... saremo tutti morti.   FIRMATO I consiglieri dell’Ordine dei Giornalisti del Molise Antonio Lupo e...

Al Neuromed due eventi scientifici alla ricerca di terreni comuni...

  Due corsi ECM affronteranno il rapporto tra la neuroinfiammazione, le patologie neurodegenerative e le patologie psichiatriche   Una volontà di dialogo tra neuroscienze, neurologia, neuropsicologia, psichiatria e psicoterapie. È questa la base di partenza per due eventi che si svolgeranno presso l’I.R.C.C.S. Neuromed - nell’Auditorium  Marc Vertraete del Parco Tecnologico di Via dell’Elettronica, Pozzilli - con valore di Educazione Continua in Medicina (ECM) per medici, biologi, psicologi, psicoterapisti, tecnici di neurofisiopatologia. Il primo meeting, venerdì 22 marzo dalle 8,30 alle 14, verterà su “Infiammazione, neurodegenerazione, disturbi mentali”. L’intento è di analizzare il ruolo dell’infiammazione in patologie neurologiche quali la sclerosi multipla, la malattia di Parkinson o la malattia di Alzheimer, e le possibilità di trattamento mediante l’approccio integrato tra neuroscienze e psicoterapia nello studio e nel trattamento dei disturbi mentali e del comportamento che si accompagnano alle malattie neurologiche. “I classici quadri clinici che descrivono le malattie neurologiche – dice Diego Centonze, Responsabile dell’Unità di Neurologia dell’I.R.C.C.S. Neuromed e Ordinario di Neurologia dell’Università Tor Vergata di Roma - si arricchiscono progressivamente di sintomi della sfera mentale, sempre più riconosciuti grazie ad una crescente attenzione. Ad esempio, ansia e depressione si riscontrano nei pazienti con sclerosi multipla (malattia a chiara patogenesi autoimmunitaria e infiammatoria) con frequenza maggiore di quanto una ipotesi puramente reattiva lascerebbe predire. Recenti studi, prevalentemente provenienti dal nostro gruppo di ricerca, hanno evidenziato come i disturbi dell’umore in corso di sclerosi multipla riconoscono una chiara origine infiammatoria. È per questo che un approccio integrato tra neuroscienze e psicoterapia potrebbe avere ricadute culturali e cliniche molto rilevanti”. La seconda giornata si terrà venerdì 29 marzo, dalle 8,30 alle 14, ed avrà il titolo “La neuroinfiammazione nelle malattie neurologiche e psichiatriche”. “Di recente – spiega Centonze, responsabile scientifico di entrambi i corsi ECM - l’infiammazione è stata descritta come uno dei principali fattori coinvolti nei disturbi...

Venafro: due campani segnalati all’Autorità Amministrativa per detenzione di stupefacenti

  Nella giornata di ieri, nel corso di servizi preventivi specifici tesi a garantire sicurezza stradale ed a contrastare l’uso di droghe, i Carabinieri di Venafro hanno deferito alla Prefettura due trentenni campani per “detenzione di sostanze stupefacenti per uso personale”. I due uomini, entrambi operai del casertano con piccoli precedenti, viaggiavano a bordo dello stesso mezzo in transito sulla Venafrana; durante il controllo i soggetti palesavano un certo nervosismo che destava sospetto nei militari operanti, per cui a seguito di immediata perquisizione personale e veicolare sono stati trovati in possesso rispettivamente di cinque e tre grammi di sostanza stupefacente del tipo hashish. Lo stupefacente è stato posto sotto sequestro amministrativo, mentre i due sono stati deferiti alla Prefettura ai sensi dell’art. 75 del D.P.R. 309/90.

Isernia:  I Carabinieri di Isernia recuperano un defibrillatore rubato all’ospedale locale...

  Recuperato dai Carabinieri di Isernia il defibrillatore rubato dal centro trasfusionale dell’ospedale “F.Veneziale”. Il prezioso strumento di soccorso era stato asportato in corsia a cavallo delle scorse festività Natalizie, quando il personale sanitario del centro trasfusionale, nel corso di un pomeriggio particolarmente impegnativo, si accorse che ignoti lo avevano sottratto da un carrello di servizio. Grazie all’intervento immediato dell’Arma locale, scattarono le prime indagini tese alla ricostruzione dell’evento, indagini conclusesi ieri con il sequestro del defibrillatore perfettamente integro, che un quarantenne abruzzese cercava di rivendere. Tra i possibili acquirenti dell’apparecchio salvavita c’era un addetto al 118 che, insospettito, si è rivolto ai Carabinieri segnalando il tentativo di vendita, consentendo così ai militari di bloccare la ricettazione in corso e deferire l’uomo all’A.G. isernina per ricettazione aggravata. I Carabinieri hanno già promosso quanto necessario per avviare le pratiche di dissequestro del defibrillatore, affinché sia restituito alla corsia ospedaliera dalla quale venne furtivamente asportato.

Incidente stradale, due auto si scontrano sulla Bifernina: 4 morti e...

Quattro persone sono morte e una è rimasta ferita in un incidente stradale avvenuto sulla strada statale 647 Fondo Valle del Biferno, ‘Bifernina’, nel territorio di Montagano, in provincia di Campobasso. Le cinque persone erano a bordo di due auto che si sono scontrate. Nell’impatto uno dei veicoli si è incendiato. Le vittime sono due uomini e due donne. La donna ferita è stata trasportata all’ospedale ‘Cardarelli’ di Campobasso. Sul posto Vigili del Fuoco, ambulanze del 118, forze dell’ordine. Traffico bloccato per i soccorsi e il recupero dei mezzi.

Polizia, Operazione “WHITE RABBIT”: traffico di droga tra Isernia e Lucera:...

.   Nelle prime ore di questa mattina,personale della Squadra Mobile di Isernia, coadiuvato da personale della Squadra Mobile di Foggia e di Campobasso, del Commissariato di Ps di  Lucera, della Questura e della Sezione Polizia Stradale di Isernia, da 7 equipaggi dei Reparti Prevenzione Crimine Campania, Abruzzo e Basilicata e da 1 unità cinofila in forza alla Questura di Napoli, ha dato esecuzione ad 11 ordinanze di custodia cautelare di cui 8 in carcere, 1 agli arresti domiciliari e 2 obblighi di dimora con obbligo di presentazione alla pg emesse dal Gip presso il Tribunale di Isernia dott.ssa Michaela Sapio al termine di una complessa attività d’indagine coordinata dal Procuratore Capo della Repubblica di Isernia dott. Carlo Fucci e diretta dal Sost. Proc. dott. Alessandro Iannitti, per il reato di cui all’ art 73 Dpr 309/90 in concorso. L’attività investigativa, coordinata dal Servizio Centrale Operativo della Polizia di Stato, svolta anche attraverso numerosi presidi tecnologici, ha consentito di disvelare l’esistenza di un gruppo di soggetti italiani e di etnia rom stanziali in questa provincia e nella provincia di Foggia dediti allo spaccio di sostanze stupefacenti. L’indagine nasce da una costante e proficua attività di controllo del territorio che ha consentito di individuare...

Venafro (IS): Quattro persone denunciate dai Carabinieri per falsità materiale, false attestazioni, truffa in...

    Prosegue senza sosta l’attività di prevenzione e repressione delle condotte criminose da parte dei Carabinieri della Compagnia di Venafro per la tutela dei cittadini...

Venafro (IS): Guida un veicolo con patente revocata. Un napoletano denunciato dai Carabinieri.

  I Carabinieri della Stazione di Sesto Campano hanno denunciato alla competente Autorità Giudiziaria un uomo della provincia di Napoli, ritenuto responsabile di guida con...

Isernia: Carabinieri Forestali controllano i cantieri boschivi in provincia di Isernia

  I Carabinieri del Gruppo Forestale di Isernia hanno eseguito una serie di accertamenti a tutela del patrimonio forestale e paesaggistico, attenzionando un taglio boschivo,...

Spettacolo

Carnevale per i bambini a Isernia il 3 marzo in...

Domenica 3 marzo, dalle ore 15 alle ore 20, in piazza...