Irnerio Musilli con il presidente Toma