di Gildo Palombo

Dopo l’approvazione in Consiglio regionale della Disciplina dei distretti del Cibo, nasce il primo distretto del cibo in Molise. Un progetto nato dal territorio per servire il territorio, attraverso la tutela delle sue identità e la valorizzazione del cibo che, mai come ora, è divenuto uno strumento sociale, economico e culturale di assoluto prestigio.

Sono 81 le aziende agricole che hanno già aderito al programma. Si punta a creare un legame sempre più stretto e fecondo tra le imprese locali e i prodotti agricoli ed alimentari che la regione è in grado di offrire. Il distretto punterà tutto sulla qualità, premiando la sostenibilità, la tracciabilità e l’agricoltura di precisione. L’inizio di una nuova stagione, che vuole sviluppare sempre di più una logica di livello e di filiera, la promozione del made in Molise a livello nazionale ed internazionale e ,soprattutto, la definitiva emancipazione delle nostre migliori eccellenze.

Nel mondo globale di oggi, per sopravvivere è necessario difendere fino a in fondo le proprie peculiarità. Ed ecco allora che un patrimonio antico che, per il Molise è fatto di natura, biodiversità, tradizione, benessere e genuinità dovrà essere sempre più valorizzato. I distretti del cibo rappresentano senza dubbio una grossa opportunità per le aziende che vogliono aggregare ed investire, nonchè per lo stesso territorio che, con tale strumento strategico, può ridisegnare se stesso guardando al futuro, il tutto finanziato anche dalla stessa regione.