Home Attualità Rinnovo del Consiglio Provinciale di Isernia, Di Sandro: In un contesto nel...

Rinnovo del Consiglio Provinciale di Isernia, Di Sandro: In un contesto nel quale prevalgono solo inciuci, Fratelli d’Italia-AN non parteciperà alla competizione elettorale

150

In un contesto nel quale prevalgono inciuci tra centro-destra e centro-sinistra, lotta di poltrone, disinteresse assoluto dei partiti nazionali, Fratelli d’Italia-Alleanza Nazionale non partecipa alla competizione elettorale per il rinnovo del Consiglio Provinciale di Isernia. Abbiamo chiesto a tutte le forze politiche ed a tutti i movimenti civici di stare insieme, di fare un’unica lista di centro destra. Lo abbiamo fatto con impegno, determinazione e convinzione ma purtroppo questo non è stato possibile nonostante i nostri sforzi. Purtroppo constatiamo che ci sono ancora persone e movimenti che lavorano per dividere.

Strategie diverse, obiettivi regionali di protagonismo, fughe in avanti, assenza di regole condivise, inciuci e personalismi vari hanno ancora una volta condizionato le scelte.

Fratelli d’Italia-AN dice NO a questo modo di fare politica, dice NO ad inciuci e strategie personali a danno dell’interesse comune, dice NO alle strategie volte a favorire il centro-sinistra ed in modo particolare il governo regionale. Fratelli d’Italia decide a questo punto di non partecipare alla competizione elettorale per lanciare un messaggio forte e chiaro al centro destra ed ai movimenti civici: se si continua con questo atteggiamento il centrosinistra governerà ancora a lungo questa nostra Regione. Chiediamo scusa a tutti gli amministratori che comunque avevano dato la disponibilità alla candidatura.

Se queste sono le scelte o le non scelte( vedi la decisione dei partiti di non impegnarsi ) noi anche per le prossime scadenze elettorali faremo scelte forti, direi clamorose. A questo punto lasciamo liberi gli amici amministratori, che in qualche modo si riconoscono con la nostra parte politica, di scegliere in libertà, anche astenendosi dal voto, per dare un segnale di dissenso nei confronti di quanto accaduto e di questa politica fatta di inciuci.