Buste di immondizia abbandonate illecitamente, in pieno centro.

di Gildo Palombo

Ancora rifiuti abbandonati nel fossato tra marciapiede e aiuola in Via Plinio il Vecchio, in pieno centro a Venafro. Avanzi di cibo, bottiglie,  piatti di plastica ed altri scarti; c’è pure una confezione di medicinali usati lasciata da qualche balordo a marcire, incivilmente. Tristezza e indignazione tra residenti e imprenditori della zona, che quotidianamente si impegnano per tener in ordine l’area anche e soprattutto attraverso la raccolta differenziata. Non si tratta di un caso isolato, dato che non molte settimane fa, è accaduta la stessa cosa in Via Publio Ovidio ed anche ad altri quartieri della città. Gli esempi, dunque, sono davvero innumerevoli. I pericoli di un aumento di abbandoni incontrollati sembrerebbero maggiori negli ultimi tempi. Le cattive abitudini sono dure a morire. L’inciviltà, a quanto pare, pure.

Nonostante a Venafro, cittadinanza e amministrazione comunale si siano impegnate e continuano a farlo tuttora, per promuovere e realizzare quotidianamente l’obiettivo della raccolta differenziata, il cortocircuito è sempre dietro l’angolo. Una situazione che – oltre a ledere l’immagine della città, lasciando attoniti gli sguardi dei passanti – suona un po’ come uno schiaffo all’impegno e allo zelo dei residenti e di quanti, nella zona in questione, possiedono un’attività commerciale: cittadini e imprenditori che con solerzia e profondo rispetto delle norme civiche ogni giorno differenziano i propri rifiuti. E che poi una mattina si sono trovati dinanzi una scena assolutamente poco piacevole.

E’ necessario informare la cittadinanza con campagne informative e di sensibilizzazione, mantenere i servizi ma anche i controlli a quanto pare. Chiunque avvisti gli autori di questi scempi o semplicemente noti, in città, rifiuti in stato di abbandono lo segnali immediatamente. Diamo l’esempio, diamo un segnale di civiltà!