di Gildo Palombo

Ormai manca poco! Entro il 2023 nascerà un’unica banca dati digitalizzata, per tutte le informazioni utili del comparto zootecnico e per le associazioni di allevatori del Molise e dell’Abruzzo. Saranno messi online milioni e milioni di dati, e migliaia di parametri diversi sia per la produzione di latte e prodotti tipici caseari che per tutti gli altri prodotti derivati dall’allevamento di bovini, suini ed ovini. Questa iniziativa farà breccia in tutta Europa e di conseguenza anche in Molise, che vanta 154 allevamenti registrati. Il progetto vedrà interessati: l’Istituto Zooprofilattico Abruzzo-Molise,  l’Associazione italiana allevatori ed atenei e università specializzate.

Lo scopo sarà quello di pubblicare e rende visibile tutti i dati utili per verificare salute e benessere degli animali allevati e tutto il ciclo vitale dei capi di bestiame. Anche perchè Il controllo del bestiame e l’identificazione dei capi a rischio salute non è del tutto efficiente se svolto solo con la tecnica dell’osservazione, soprattutto nel caso di grandi allevamenti.

L’azione è stata avviata anche sul presupposto che gli allevamenti intensivi di bestiame, soprattutto bovino, costituiscono una rilevante fonte antropogenica di inquinanti atmosferici e climalteranti, causando danni su ambiente e salute.

Queste informazioni saranno fondamentali e di vitale importanza per favorire lo scambio, la condivisione e la trasparenza di tutta la filiera zootecnica con maggiori controlli per la produzione alimentare.