Campobasso – Rassegna organistica 2020/’21 con Italo Di Cioccio – Giovedì 16 settembre 2021 ore 19, Chiesa di Sant’Antonio di Padova

L’organista Italo Di Cioccio

Nato a Pratola Peligna (AQ), organista, clavicembalista, pianista e compositore. La sua formazione artistica è maturata nei Conservatori ‘A. Casella’ de L’Aquila e presso il Conservatorio ‘Santa Cecilia’ di Roma. Protagonista in numerosissimi festival internazionali. La grande sensibilità interpretativa e la particolare scelta del repertorio gli permettono di distinguersi nel vasto panorama concertistico. Dedito alla computer music, compone molta musica di questo genere sia di consumo che di ricerca. Le sue composizioni sono state eseguite in importanti rassegne dedicate a compositori contemporanei e incise su CD. Compone musica per immagini. Pianista nella ‘The Modern Abruzzo Orchestra’ e nel ‘Baroque Blue Quartet’, quest’ultimo nato da una sua idea. Come pianista ha tenuto concerti in Europa e in Cina col sassofonista Gaetano Di Baccoe collaborato come organista con orchestre e cori. Dal 1978 ha insegnato Organo e Composizione organistica nel Conservatorio ‘S. Giacomantonio’ di Cosenza, ed è stato titolare della stessa cattedra nei conservatori ‘L. Perosi’ di Campobasso e ‘L. d’Annunzio’ a Pescara.

 

________________________________

 

MODALITÁ DI ACCESSO AI CONCERTI:

 

Come da D.L. n.105 del 23/07/2021, con riferimento all’art.3 si comunica che a far data dal 6 agosto 2021 l’accesso in sale teatrali e sale da concerto, e in altri locali o spazi anche all’aperto è consentito in zona bianca esclusivamente ai soggetti muniti di una delle certificazioni verdi COVID-19, di cui all’articolo 9, comma 2 del D.L. del 22/04/2021.

 

Per la partecipazione ai concerti si dovrà così procedere:

  • prenotazione presso la sede dell’Associazione Amici della Musica Walter De Angelis in Viale Elena n.54 a Campobasso nei giorni di martedì, mercoledì e giovedì dalle 16,30 alle 19,30 della settimana in cui l’evento avrà luogo;
  • assegnazione del posto a sedere a condizione che sia assicurato il rispetto della distanza interpersonale di almeno un metro per gli spettatori che non siano abitualmente conviventi;
  • presentazione di Green Pass che permetta l’accesso nell’area del concerto stesso.